venerdì 18 maggio 2012

Carlos Ruiz Zafon - The Prince of mist

Trama:

E' l anno 1943; la famiglia Carver per sfuggire alla guerra, si trasferisce in un piccolo paesino sulle sponde dell'Atlantico. Max il figlio dei Carver, avverte una presenza minacciosa: le sue ricerche lo porteranno sino al "Principe della nebbia", figura diabolica e ipnotica.
Un clima di inquietudine e di mistero avvolge il protagonista e il lettore.


Libro letto in inglese, perchè l ho comprato in aeroporto a Valencia, come regalo di consolazione di ritorno da un week end lungo, ma egualmente troppo corto.
Come al solito non mi lascia delusa Zafon, come Baricco, suona corde in me sconosciute.
Non mi è ancora mai accaduto tra i libri di Zafon che ho letto, di restarne scontenta, c è sempre quel filo magico che riesce a tenermi incollata al libro per tutto il tempo, riuscendo anche a smorzare il mio grandissimo difetto di leggere più libri contemporaneamente - quando sono agli sgoccioli non riesco che a dedicarmi ai suoi libri e non leggere altro.

Davvero una bella storia!

Buona lettura!

... more of a Children's book

giovedì 17 maggio 2012

Domande senza risposta.

Vorrei iniziare dicendo che mi sento particolarmente critica questa mattina...sarà la sveglia alle 05.30.
Che non vuol dire, è suonata la sveglia alle 05.30 del mattino, ma semplicemente che ho aperto gli occhi e non sono più riuscita a richiuderli.
Tra i vari controlli mattutini, giro su facebook, mail, msn e l immancabile chiacchierata intercontinentale, mi è capitato sotto gli occhi questo sito - di cui ero già a conoscenza -
http://chicisimo.it
e non lo so perchè ma questa mattina mi è partito l embolo...

Possibile che fanno tutti tutti tutti (a dire il vero TUTTE visto che di uomini nn mi è sembrato vederne) le stesse cose?!
Anch io tengo un blog come miliardi di persone per carità.
Ma queste foto!?
Tutte uguali ...
I piedi girati in un certo modo che fa tanto ragazzina delicata e sensuale (?)
e il sorrisino stampato
o la faccia una smorfia di insofferenza...
Cambiano un tantino i vestiti anche se sono immancabili:
le scarpe di Zara, le borse di Vuitton, Chanel
e qualche altro marchio "rinomato"
e poi ora va l asimmetrico
i colori neon
e mi pare si chiamino gonne plissettate
quindi non se lo fa mancare nessuno il capo con queste caratteristiche!!!!!

Io la vorrei tanto una spiegazione antropologica a questa cosa.
Cioè vorrei capire un pò perchè le persone hanno tanto bisogno di mostrare quanto sono alla moda.
Mi sembra diventato un pò come quando tutti si urlano che sono
particolari
o "strani"
che è un modo per dirsi:
sono speciale e mi distinguo dalla massa
- che secondo me non è vero per nessuno a parte qualche genio...che ne so un Da Vinci... -

Però questa particolarità del mostrare il proprio look (fighissimo) mi stupisce più di qualunque cosa al mondo.
Non riesco a capirne la radice!

Volendo andare indietro nel tempo, per provare a capirci qualcosa, questa è una moda anche abbastanza vecchia, nel senso, in rete lo faceva già una cerchia di persone ristretta (e a mio avviso all epoca era anche accettabile) che successivamente è diventata famosa - chi più chi meno, venendo anche aspramente criticate - e poi giù tutti a fare LA STESSA COSA!!!!!

Mentre mi guardavo le foto del sito comunque il pensiero è stato uno
deve essere stata una sovraesposizione al Postalmarket
perchè ricordo quanto mi piaceva sfogliarlo
quindi sarà piaciuto tantissimo anche a loro!!!!

Però sinceramente la risposta antropologica a questa cosa mi piacerebbe tantissimo.

venerdì 11 maggio 2012

lunedì 7 maggio 2012

Thirty-five and fabulous!


Il mese passato è stato il mio 35esimo compleanno e nonostante sia andata a Valencia a festeggiarlo ci tenevo tantissimo a festeggiarlo con i miei amici di sempre!
E quindi una domenica, abbiamo organizzato questo big party!
Palloncini, tavola apparecchiata, carne arrosto e ovviamente la torta.
Che forse ho organizzato la festa solo per farmi una torta appariscente come desideravo?!?!?!?!?!
Chissà....
Intanto torta o non torta è stato un compleanno bellissimo e siamo stati tutti veramente bene e in più c erano anche i pupetti del nostro cuore ad allietarci la giornata!!!!
E' stato un 35esimo compleanno PERFETTO!





mercoledì 2 maggio 2012

Alessandro Baricco - Mr Gwyn




“Quando muore qualcuno, agli altri spetta di vivere anche per lui”


Io non sono obiettiva quando si parla di Baricco e sicuramente non lo sarò neanche questa volta.
Quando lessi SENZA SANGUE la prima impressione fu "non mi piace" e invece l ho riletto più volte.
E mi piace.
Mr Gwyn mi ha lasciato una piacevole sensazione nonostante mi ritrovi anche con le considerazioni negative che trovo online...è parecchio strampalato.
Eppure alla fine mi è piaciuto come sempre e ho adorato ritrovare i pezzi di TRE VOLTE ALL ALBA.
Anzi credo di aver fatto bene a leggere prima Tre volte all alba e dopo Mr Gwyn.

Buona lettura.